119 anni fa la "S" in Morse ha attraversato l'oceano per la prima volta..

Dalla prima trasmissione da ragazzo che doveva superare la collina davanti casa era passato tempo, la "collina" ora era alta 200km anche se era rappresentata dall'oceano atlantico. La ionosfera non era ancora conosciuta, ma l'idea di riuscire a superare la curvatura terrestre già era nell'aria e portò Marconi a sfruttare inconsapevolmente o meno la ionosfera prima di sapere che esistesse..

Da qui la costruzione della stazione radio di Poldhu, nell'estremo sud-ovest della Cornovaglia (GB) ricevuta dalla stazione di St. John's a Terraova. La stazione di Poldhu aveva un'antenna particolare: 20 piloni in legno di oltre 60mt di altezza disposti in cerchio che sostenevano un antenna multi filare a forma di cono rovesciato che confluiva verso terra, una sorta di enorme antenna "discone" rovescia. Un temporale semidistrusse l'intera struttura che fu subito ricostruita in versione semplificata con due soli sostegni creando un ventaglio piatto.

Anche qui la "S" si fece sentire oltreoceano e fu un'altra tappa fondamentale che ha fatto storia.
Belle ed interessanti le vicissitudini che meritano di essere lette. In rete trovate stralci di tutta la storia, riferimenti, libri e foto che meritano di essere ricordati, vi basterà cercare "Marconi Poldhu" sui siti istituzionali e non. Qui ora mi soffermo su qualcosa di diverso: una lezione su Marconi del Prof. Gian Carlo Corazza dell'Università di Bologna pubblicato su Rai Scuola.

Lantenna rappresentata in foto, come detto sopra, fu la prima versione. Alla seconda, provvisoria per non ritardare alla data prevista, seguì una versione sorretta da 4 piloni di metallo che sorreggevano quindi una sorta di piramide rovesciata di fili che costituivano l'antenna. Questa versione la si vede raffigurata sul retro della banconota da 2000 lire italiane dedicata a Marconi rimasta in circolazione dal 1990 al 2001, anno dell'introduzione dell'euro.

Per curiosità la banconota, oltre a raffigurare Marconi sul recto, riporta sul verso, la nave Elettra, i 4 tralicci della stazione radio di Poldhu o comunque un progetto identico a quello realizzato in seguito a Poldhu. Accanto un apparecchio radio, ma in questo caso è stato commesso un errore. Non si tratta infatti della radio originale di Marconi (visibile al museo Nazionale della Scienza e della Tecnica di Milano), ma dell'apparecchio costruito da Giovanni Campostano di Milano per il gabinetto di fisica del seminario di Brescia nel 1904, in forma didattica.
[fonti varie: wikipedia, fgm, altre]